Scopri subito quanto conosci Catania!
Rispondi ai Quiz su Catania, Sant' Agata, sullo Sport, sul cibo catanese e scala la classifica!
Pasta alla Norma

Pasta alla Norma

Condividi su:

La Pasta alla Norma è uno dei piatti simboli di Catania, insieme agli Arancini.
La ricetta ricca di aromi e sapori tipici della zona mediterranea è a base di pasta (solitamente maccheroni) con un condimento di pomodoro e melenzane fritte, ricotta salata e basilico.

  • Visualizza la foto di piccolarosy_80

Il piatto è una dedica all' opera "Norma" del compositore catanese Vincenzo Bellini.
Non è certo chi abbia attribuito il nome al piatto, ma esistono due versioni plausibili di come siano andati gli avvenimenti.
Secondo alcuni, il commediografo Nino Martoglio dopo aver assaporato la Pasta alla Norma, avrebbe esclamato "È una Norma!", ad indicarne una suprema bontà e paragonandola alla famosa opera belliniana, nonostante fossero passati parecchi decenni dal suo esordio.
Secondo altri, la ricetta sarebbe stata perfezionata, reinterpretata e messa a punto sulla base della cucina tradizionale da uno chef siciliano proprio in occasione delle celebrazioni dell' opera lirica, nonostante una prima alla Scala di Milano poco incoraggiante; in uno dei tanti ricevimenti catanesi a cui fu presente Bellini, lo chef per omaggiarlo della sua presenza avrebbe creato un piatto ad hoc.

A questa preparazione culinaria della tradizione catanese e siciliana, è stata assegnata una Giornata Nazionale della Pasta alla Norma, che decade il 23 Settembre.

Negli ultimi decenni si è diffusa anche la Pizza alla Norma, che adotta gli stessi ingredienti del condimento della pasta.

La ricetta tradizione - originale

  • Visualizza la foto di susannapolchi

Ingredienti per 4 persone:

  • 340 g di pasta corta, tipo rigatoni
  • 2 melanzane
  • 300 g di pomodori pelati
  • 150 g di ricotta salata
  • 2 spicchi di aglio
  • q.b. di basilico
  • q.b. di sale fino
  • q.b. di sale grosso
  • q.b. di olio extravergine di oliva

Procedimento:

  1. Per prima cosa tagliate le melanzane a listarelle e provvedete a farle "sudare" (mettetele nello scolapasta, ricoperte di sale, con un peso sopra, per una mezz’oretta, per eliminare l’eccesso di liquido e il sapore amarognolo).
    Quindi tamponatele con carta assorbente da cucina umida, per eliminare il sale in eccesso.
  2. Prendete una padella dal fondo antiaderente e fatevi scaldare abbondante olio extravergine di oliva.
    Quando sarà caldo friggete le melanzane, un po' alla volta, non tutte assieme, per non far abbassare troppo la temperatura dell’olio.
    Scolatele e mettetele in un piatto con carta assorbente da cucina, per eliminare l’olio in eccesso.
  3. Nella stessa padella, dopo aver cambiato l’olio, fate soffriggere un paio di spicchi d’aglio, quindi eliminateli.
    Versate i pelati, aggiustate di sale e fate cuocere per una decina di minuti, fin quando non inizieranno a sfaldarsi.
  4. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela molto al dente.
    Versatela nella padella e mescolate al pomodoro. Aggiungete le melanzane e girate ancora.
    In ultimo grattugiate la ricotta salata in abbondanza.
  5. Spezzate qualche foglia di basilico con le mani e fate mantecare un minuto.
    Servite la pasta alla Norma, grattugiando ancora un po' di ricotta direttamente nei piatti.
CataneseCataniaCucinaNormaNormaPastaVincenzo Bellini

Altre Curiosità