Scopri subito quanto conosci Catania!
Rispondi ai Quiz su Catania, Sant' Agata, sullo Sport, sul cibo catanese e scala la classifica!
Il cinema a Catania

Il cinema a Catania

Condividi su:

Agli albori del cinema, a Catania sorsero varie case di produzione cinematograficha, tra cui "Morgana Film" (da non confondere con l' omonima società romana), "Etna Film", "Katana Film", "Sicula Film" e "Jonio Film".

Nello stesso periodo in città vennero girate alcune scene di Cabiria, considerato il più grande kolossal e il più importante film del cinema italiano muto.

La produzione catanese durò soltanto pochi anni per spostarsi poi, dopo la Seconda Guerra Mondiale, a Roma.
Nei decenni successivi vi furono dei tentativi di rilancio, ma senza successo, da parte di Ugo Saitta  nel 1935 con "Clima puro" e nel 1971 con "Lo voglio maschio" con Tuccio MusumeciLeo Gullotta.

    • 2019 - Tuttapposto

      Roberto è uno studente universitario in un ateneo in cui i docenti vendono esami, assumono solo amici e parenti, e sono dediti alla raccomandazione. Il padre di Roberto, è anche il magnifico Rettore. Roberto, andando contro la sua famiglia, stufo di essere asservito al potere del baronato, con i suoi amici, decide di combattere questo modus operandi. Realizza, infatti, un'app per smartphone denominata "Tuttapposto" che valuta l'operato dei professori. Tutto ciò porterà a una serie di colpi di scena e a un'inversione di ruoli: gli studenti acquisiscono un potere inaspettato e i professori sono costretti a comportarsi onestamente pur di ottenere un buon voto.

    • 2010 - I baci mai dati

      Estate. Catania. Librino, quartiere satellite. Manuela ha tredici anni, una sorella maggiore che si sta infilando in giri pericolosi, una madre che non sa bene che fare della propria vita e un padre che c'è e non c'è. È un'esistenza come tante la sua fino a che un giorno la statua della Madonna che è stata eretta nello spiazzo antistante la sua abitazione diventa qualcosa di più di un monumento. Le parla o, almeno, così sembra. Da quel momento la vita di Manuela e di chi la circonda si trasforma radicalmente. La voce si diffonde e la sua abitazione diviene meta di persone che chiedono di ricevere una grazia. Diviene anche occasione di arricchimento per sua madre e di stress per lei. Finché un giorno…

    • 2010 - Le ultime 56 ore

      Il Vice Questore aggiunto, Paolo Manfredi è il padre di Valentina, una quindicenne decisa e molto matura per la sua età. Manfredi è un negoziatore, esperto psicologo e astuto poliziotto, abituato a risolvere casi estremi, in cui scava nell'animo dei criminali convincendoli alla resa. Ma è proprio il suo lavoro ad aver incrinato il rapporto con la moglie Isabella, una donna indipendente, forte e solare, che non ha mai smesso di amarlo e che non "negozia" con i sentimenti. Il Colonnello Moresco è un ufficiale con forte senso del dovere, integerrimo nel lavoro e noto per la sua grande umanità. Un grande stratega nelle missioni di guerra ed è difficile nascondergli qualcosa. Moresco a causa di gravi scoperte che lo riguardano, insieme ai suoi uomini, impronta una missione segreta, denominata "Operazione 12 Apostoli"...

    • 2009 - La matassa

      Due cugini sono figli di fratelli che si odiano e per questo non si vedono da 20 anni. Il caso vuole, però, che i due si incontrino improvvisamente diventando protagonisti involontari di diverse avventure ed equivoci fino a rischiare la loro stessa vita. A tentare di farli riappacificare ci penserà Don Gino.

    • 2009 - Una notte blu cobalto

      Dino è uno studente che, dopo l'ennesimo fallimento universitario, accetta un posto come fattorino in una pizzeria. Le notti trascorrono movimentate dalle atmosfere surreali che si creano in giro per la città durante le consegne ma anche all'interno della pizzeria. La narrazione culmina con l'attesissimo evento del fine settima: il concerto di Francois e le coccinelle alla Villa Pacini di Catania.

    • 2009 - In nome di Maria

      Soggiorni terapeutici per bambini delle zone ancora contaminate dalla radioattività post-Chernobyl con l'intenzione di dare loro una speranza di recupero. Con questo scopo Maria, una bambina bielorussa di 8 anni, arriva in Italia ospite dei coniugi Parodi. A pochi giorni dal suo ritorno in patria, la bambina sparisce e, per 20 giorni, la famiglia affidataria, con il pretesto che Maria ha subito violenze nel paese di origine, è ferma nella decisione di non svelare dov'è stata nascosta. L'Italia è nel caos. Il Paese è diviso tra chi condanna il comportamento sconsiderato dei coniugi e chi attacca l'atteggiamento duro dello stato ex-sovietico. Per riuscire a riottenere la custodia della bambina, subito rimpatriata, i Parodi si affidano a Monsignor Carminati, vescovo della loro città, che incarica Don Vittorio di partire immediatamente per andare a cercare Maria e tracce di marcio, affinché i coniugi possano riaprire il caso e fare in modo di riportare la piccola in Italia. Don Vittorio, riluttante, parte ma l'arrivo in una nazione così diversa è per lui scioccante.

    • 2006 - Il sole nero

      //

    • 2006 - I Viceré

      Sicilia. Ultimi anni di dominazione borbonica prima della nascita dello stato italiano. La morte della principessa Teresa introduce la famiglia Uzeda discendente dei vicerè di Spagna. Le vicende degli Uzeda e i loro intrighi, raccontati negli anni attraverso gli occhi di Consalvo, l'ultimo discendente, rappresentano la società dell'epoca in rapido divenire, in cui sopravvivere significa innanzitutto essere schiavo di regole e tradizioni.

    • 2006 - L' uomo di vetro

      Il racconto della vicenda personale del primo pentito di mafia, Leonardo Vitale.

    • 2006 - Nuovomondo

      Nella Sicilia degli inizi del Novecento, Salvatore fa un voto e chiede un segno al cielo: vuole imbarcarsi per il nuovomondo e condurre in America i figli e l’anziana madre. Il segnale è una cartolina di propaganda che ritrae minuscoli contadini accanto a galline giganti o a carote sproporzionate. Venduta ogni cosa posseduta, Salvatore lascia la Sicilia alla volta dell’America. Durante la traversata oceanica incontra la bella Lucy, una young lady che indossa il cappello ed è più elegante della figlia del sindaco del paese. Luce parla la lingua dell’America e cerca un compagno da impalmare per ritornarci da signora. Salvatore, da vero galantuomo, accoglie la sua avance. Il lungo viaggio approderà ad Ellis Island, l’isola della quarantena dove si decideranno gli ingressi e i rimpatri.

    • 2003 - Mundo civilizado

      //

    • 2003 - Perdutoamor

      Il film, idealmente diviso in tre parti, descrive la formazione di un giovane siciliano. Nella prima parte, il personaggio, Ettore Corvaja, ha otto-nove anni. La sua famiglia e la sua Sicilia, forse sono vere, forse no. Il bambino cresce tra la gioia di vivere di quel tempo e gli insegnamenti del suo mentore, un colto aristocratico del paese. Nella seconda parte Ettore ha vent'anni e ha già fatto le sue scelte e i suoi studi. Siamo nel pieno del boom economico e delle sue contraddizioni. Nella Terza parte Ettore è a Milano. Scopre una città piena di fermenti e di frenesia. Entra nel mondo della musica che guarda con sospetto. La sua aspirazione è scrivere. Incontra un gruppo esoterico che gli apre un nuovo mondo. Capisce la bellezza della scoperta di sé.

    • 1995 - La piovra 7

      La storia della prima serie è ambientata in una città della Sicilia (Trapani, che però non verrà mai nominata); qui viene trovato assassinato il commissario Marineo, capo della squadra mobile della locale Questura. Tutto lascia supporre si tratti di un delitto di mafia. Il posto del commissario assassinato viene preso dal commissario Corrado Cattani, interpretato da Michele Placido. Con il suo arrivo da Milano, le indagini sul delitto Marineo subiscono un’impennata. Il nuovo commissario non si fida di nessuno e s’insospettisce del comportamento reticente di alcuni collaboratori. Parte così la serie destinata a dare vita ad una delle saghe televisive più celebri della tv italiana.

    • 1993 - Storia di una capinera

      Dall'omonimo racconto di Giovanni Verga. Catania, 1854. Maria è destinata al convento fin da bambina: accetta di buon grado il proprio destino, finché non incontra Nino, promesso sposo della sua sorellastra, di cui si innamora, ricambiata.

    • 1991 - Johnny Stecchino

      Una sera Dante, che vive a Firenze e lavora come autista di uno scuolabus per bambini affetti dalla sindrome di Down, viene investito da una strana donna che prima lo guarda meravigliata e poi sviene...

    • 1981 - Anni di piombo

      Il difficile rapporto tra due sorelle, Juliane e Marianne, data dalla loro adolescenza. Una è giornalista, l'altra è in un carcere di massima sicurezza perché terrorista. Le rispettive scelte hanno radici lontane e mescolano questioni private (il rapporto con la famiglia e il severo padre, un pastore protestante) e pubbliche (il passato nazista della Germania). Alla notizia del suicidio in carcere della sorella, la cronista non si accontenta della versione ufficiale, ma la prova dell'omicidio politico non interessa più un'opinione pubblica distratta e desiderosa solo di dimenticare.

    • 1975 - Paolo Barca, maestro elementare, praticamente nudista

      Il giovane docente milanese Paolo Barca, disinibito e nudista convinto, si trasferisce per lavoro in provincia di Catania, scontrandosi con una mentalità che ai suoi occhi appare decisamente bigotta. Con il tempo, riuscirà a cambiare qualcosa sia nella scuola che nel suo carattere.

    • 1973 - Mimì metallurgico ferito nell'onore

      Carmelo Mardocheo (Giannini), operaio siciliano, trova lavoro a Torino, si fa l'amante (Melato) che gli dà un figlio. Tornato nella natìa Catania, apprende che, per opera di un finanziere, sua moglie è incinta. Vendica l'affronto seducendone la voluminosa consorte. Ucciso il brigadiere da un mafioso, si trova con tre figli a carico. Per mantenerli fa il galoppino elettorale per un boss della mafia.

    • 1973 - La seduzione

      Tornato a Catania dopo tanti anni, Giuseppe incontra un suo antico amore, che ora ha una figlia adolescente. E bellissima...

    • 1973 - Paolo il caldo

      Da un romanzo di Vitaliano Brancati. Catania, anni Quaranta. Il piccolo Paolo è il nipote di un arrogante barone, da cui pare ereditare le peggiori inclinazioni: vizio, vizio e ancora vizio.

    • 1973 - Malizia

      Un vedovo con tre figli si innamora di una procace cameriera e vuole sposarla; lei accetta a patto che anche i figli acconsentano al loro matrimonio. Ne approfitta quello di mezzo, che avverte i primi pruriti sessuali, per obbligarla a morbosi giochi erotici.

    • 1969 - Un bellissimo Novembre

      Nino è un irrequieto adolescente di diciassette anni. Vive alle pendici dell'Etna in una masseria nei pressi di Catania e cova una sfrenata passione d'amore per la zia Cettina, la sorella della mamma. La donna, che è sposata e matura, ricambia in parte l'attenzione del nipote Nino ma allo stesso tempo è interessata ad un socio del marito, Sasà, giovane ed aitante. Il marito pare spingerla verso il socio per motivi di convenienza. Cettina, accortasi delle attenzioni di Nino, lo provoca con alcuni atteggiamenti, finché una sera gli si concede. Ma la donna non ha intenzione di cambiare il suo modo di vivere, e qualche giorno dopo Nino la sorprende in una casetta in campagna che fa l'amore con Sasà: quando il socio dello zio se ne va, lasciando da sola Cettina, Nino entra e la prende a schiaffi. Il ragazzo si sposa quindi con la cugina Giulietta, sua coetanea, ma la sua passione per la zia è tutt'altro che sopita.

    • 1967 - Don Giovanni in Sicilia

      Giovanni Percolla vive a Catania circondato dalle premurose cure delle sue tre sorelle. Si comporta in modo permanente come un Don Giovanni per nascondere la sua vera scarsa "conoscenza" delle donne. Con il suo amico si trasferisce anche a Roma ma le donne continuano ancora a rimanere parte delle sue fantasie. Ma Giovanni riuscì comunque a costruirsi una fama di "tombeur de femmes". Un giorno incontra il vero amore e decide di sposarsi ma la sua indole non cambierà.

    • 1961 - Divorzio all' italiana

      Perdutamente innamorato della cugina Angela, il barone Fefè Cefalù, studia un piano per poter uccidere la moglie ed appellarsi all'omicidio d'onore. Il piano riuscirà e potrà così condurre l'amata Angela all'altare.

    • 1960 - La sposa bella

      Nel 1936, durante la guerra civile spagnola, un corrispondente di guerra statunitense scrive del conflitto dal territorio controllato dai repubblicani che combattono contro Francisco Franco. I repubblicani, contrari al potere clericale, distruggono le chiese e arrestano i preti, mentre un giovane sacerdote tenta di non farsi riconoscere frequentando una bella prostituta al cui fascino non resterà insensibile. Intanto, il generale repubblicano Clave rivela al capitano Botargus la sua frustrazione per l'essere costretto a combattere degli altri spagnoli e per una guerra che si presenta molto difficile per la Repubblica spagnola.

  • 1960 - Il bell'Antonio

    Antonio Magnano, giovane di bella presenza, cui vengono attribuite numerose avventure sentimentali, dopo parecchi anni di permanenza a Roma ritorna alla nativa Catania, dove il padre Alfio gli ha trovato una sposa, Barbara Puglisi. Uniformandosi al volere paterno, Antonio sposa Barbara; ma trascorso un anno, il padre di Barbara dà ad Alfio la notizia che il matrimonio verrà sciolto per le condizioni fisiche del marito. Così avviene, e mentre Barbara sposa il duca di Bronte, uomo anziano, ma ricco; Alfio "per riscattare l'onore della famiglia" riprende a frequentare una casa di appuntamenti e poco dopo muore. La vedova ben presto si consola; la giovane servetta di casa sta per diventare madre e la paternità del nascituro viene attribuita ad Antonio.

  • 1954 - L' arte di arrangiarsi

    Arrestato per truffa, il catanese Rosario Scimoni, detto Sasà, rievoca le tappe della sua vita di trasformista dal 1912 al 1953: complice della mafia, socialista, interventista e poi pacifista, fascista fervente, iscritto al PCI e, dopo il '48, alla DC. Scarcerato, fonda il partito degli ex carcerati. In un certo senso è il film postumo del siciliano Vitaliano Brancati che morì nel 1954 a 47 anni, grave perdita per la letteratura erotico-satirica, il teatro e il cinema italiano. È anche il vero atto di nascita del 35enne Sordi come maschera emblematica in una commedia il cui titolo riassume nel bene e nel male il vanto e la vergogna dell'italiano medio. Pur smussando nei risvolti patetici l'acre moralismo di Brancati che gli aveva già fornito i copioni di Anni difficili e Anni facili, la regia di Zampa va egualmente a segno, grazie anche a Sordi che la fa da padrone. Pronto alla fine del '54, uscì nella primavera del 1955 dopo tagli di censura.

  • 1948 - La terra trema

    Il pescatore 'Ntoni Valastro e la sua famiglia vivono e lavorano ad Aci Trezza, sfruttati, nonostante la loro profonda miseria, dai commercianti di pesce all'ingrosso. Stanco di subire i soprusi dei grossisti, 'Ntoni incita gli altri pescatori a ribellarsi all'oppresiva situazione ormai diventata intollerabile. I colleghi, convinti dalla proposta di 'Ntoni, fanno scoppiare dei tumulti. Deciso a mettersi in proprio, 'Ntoni ipoteca la casa e acquista una barca tutta per sé.

  • 1935 - Casta diva

    Il giovane Vincenzo Bellini, innamorato di una ragazza napoletana, Maddalena Fumaroli, compone per lei la celebre Casta Diva. Giunto al successo, inserisce quest'aria nella Norma, salvando l'opera dal fiasco.

  • 1914 - Cabiria

    Siamo a Catana nel III secolo a.C. L'eruzione dell'Etna provoca la distruzione della città. La piccola Cabiria, figlia di Batto, trova scampo sulla spiaggia, ma pirati fenici le catturano e le portano a Cartagine. Cabiria, che sta per essere sacrificata al dio Moloch, è salvata da Fulvio Axilla e dallo schiavo Maciste. Denunciati da Bodastoret, essi riescono però a fuggire, e Maciste, prima di essere preso, consegna Cabiria a Sofonisba, figlia di Asdrubale. La guerra fra Roma e Cartagine si inasprisce: Annibale varca le Alpi, Asdrubale stringe alleanza con Massinissa. Passano gli anni, Fulvio ritorna quindi a Cartagine, riesce a liberare Maciste e fugge dalla città. Intanto Cabiria è riconsegnata da Sofonisba a Khartalo, ma ancora una volta è salvata da Maciste. Catturata di nuovo, è data per morta; ma Sofonisba confessa a Fulvio e a Maciste che la fanciulla è viva. Infine i tre si imbarcano per l'Italia; Cabiria e Fulvio si abbracciano, avendo scoperto di essere innamorati.

Catania filmCatania nei filmCatania serie tvFilm a CataniaFilm girati a CataniaStorie catanesi

Altre Curiosità