Scopri subito quanto conosci Catania!
Rispondi ai Quiz su Catania, Sant' Agata, sullo Sport, sul cibo catanese e scala la classifica!

Via Etnea

Via Etnea è la strada principale del centro storico di Catania.
Con una lunghezza di circa 2,8 km collega la zona sud con quella nord; da Piazza Duomo al Parco Gioeni.

    La Via Etnea nacque soltanto alla fine del XVII secolo, successivamente al disastroso terremoto avvenuto l'11 Gennaio del 1693.
    La città venne rasa al suolo e persero la vita circa il 70% degli abitanti.

    Il Duca di Camastra, scelto dal vicerè, fu incaricato a sovraintendere la ricostruzione della città.
    Egli decise di tracciare le nuove strade seguendo delle direttrici ortogonali partendo da Piazza Duomo.
    Vennero gettate quindi le basi di una strada che dal duomo giungesse verso l'Etna.
    La via con i suoi 700 metri terminava in Piazza Stesicoro (all'epoca zona della Porta di Jaci e confine della città).

    Venne chiamata "Via Duca di Uzeda" in onore del vicerè del tempo, per poi essere rinominata in "Via Stesicorea" ed infine nell'attuale "Via Etnea" proprio per sottolineare il collegamento con l'Etna.
    Ad incrocio con Via San Giuliano vennero edificati "I quattro Canti", seguendo il modello di Palermo.
    I palazzi che vennero costruiti nel suo percorso vennero edificati seguendo lo stile del barocco siciliano dagli architetti Giovanni Battista Vaccarinie Francesco Battaglia.

    In totale vennero edificate ben sette chiese (tra cui la Basilica Collegiata / Basilica Maria Santissima dell'Elemosina, la Chiessa dei Minoriti, Chiesa di San Biagio in Sant'Agata alla Fornace, Chiesa del Santissimo Sacramento al Borgo e la Chiesa di Sant'Agata al Borgo).


      Vennero edificati anche molti palazzi della nobilità catanese e pubblici come il Palazzo degli Elefanti, il Palazzo dell'Università, il Palazzo San Giuliano, il Palazzo Gioeni, il Palazzo del Toscano, il Palazzo Tezzano, il Palazzo delle Poste e sopratutto l'ingresso di Villa Bellini.

      Negli ultimi decenni la strada è stata ripavimentata con un selciato in pietra lavica dell'Etna, ed è stata resa in parte isola pedonale da Piazza Duomo alla Villa Bellini.
      Essendo una delle vie maggiormanete frequentata dai cittadini a qualsiasi orario, ha permesso nelle strade circostanti la nascita di molti locali ristorativi (fra cui appunto ristoranti, birrerie, pub e pizzerie).

      Duca di CamastraPiazza Duomo di CataniaTerremoto 1693Via Etnea

      Altre Curiosità